Questa è una regola che ho preso dal genere AvantPop a pieno modificandola un pochino per i miei loschi affari.

Come ti ho già spiegato il Gonzo nasce come genere giornalistico e vede la sua naturale evoluzione a livello narrativo (per quello che è la mia opinione) nell’AvantPop. L’AvantPop ha dei canoni precisi e, il fondamentale di questi, è sicuramente il prendere a piene mani da altre forme d’arte per citarle e usarle come espediente narrativo.

David Foster Wallace

Anche nel mio caso capita spesso e volentieri ma con una predilezione per la settima arte.

Anzi, più che spesso, per adesso, capita sempre.

Diciamo che chi mi conosce sa quanto io sia ossessionato dal cinema.

Nei due racconti brevi che fino a ora ho pubblicato sul blog c’è un film di fondo che ha ispirato certe cose del racconto ma non ve gli dico perché così non vi sciupo niente e magari andate a leggerli (o rileggerli) per scovarli e commentare.

Nel mio libro la storia è ambientata all’interno di un carcere e ci sono vari riferimenti alle opere cinematografiche che trattano questo argomento. In particolare ci sono due personaggi che richiamano uno ad una figura celeberrima de Il miglio verde e un altro ad un personaggio minore ma importante per lo svolgersi della trama de Le ali della libertà.

Solo che nelle mie citazioni c’è la fregatura.

Almeno in quelle importanti intendo.

Perché se hai visto quel film ti aspetti che il personaggio agisca o faccia delle scelte in linea con il personaggio da cui ha preso spunto.

Nel mio caso no.

Può darsi che il personaggio ricalchi, più o meno, quello che ti aspetteresti ma poi, nel momento decisivo, cambia cercando di creare, in te, l’effetto sorpresa.

Quindi ecco un’altra Gonzo regola, quando potrò, cioè quando la citazione, rivelandola, non crea problemi narrativi, potrai scoprirla cliccando sul link che le parole della citazione stessa ti daranno (come ad esempio ho fatto qua) così vedrai da che film (o libro o album musicale o il cazzo che mi è passato di mente in quel momento) mi è venuta e magari ti compri quel film (o libro o ecc ecc ecc) e ti fai una cultura degna di questo nome per i miei gusti.